Internet delle Cose e La casa che parla

 

Di seguito alcuni link veloci di corredo al keynote speak del 23/2 a NABA Design su Internet of Things ed ambiente domestico.

Network society

Definizione generale

Possibile Scenario

http://en.wikipedia.org/wiki/Ambient_intelligence#Example_scenario

Alcuni esempi interessanti di IoT applicata all’ambiente domestico.

NestLab. Termostato connesso via Web. Qua un’interessante intervista nella quale il fondatore Matt Rogers illustra alcune interessanti considerazioni progettuali.

Waterpebble. Un sistema di misurazione dello spreco d’acqua che si connette con il piatto doccia.

Pachube. Sistema integrato DIY per la comunicazione tra devices domestici e Web. Ha una forte impostazione DIY, funziona con un sistema di applicazioni embeddabili su piattaforme diverse. Viene spesso combinato con Arduino per l’ottimizzazione dei consumi.

GreenGoose. Un terminale a forma di uovo verde che si connette direttamente ad una porta Ethernet e ad una serie di sensori wireless che possono essere applicati ad ogni tipo di oggetto della casa, dal collare del cane (per rcordarsi di portarlo fuori) allo spazzolino (per ricordarsi di lavare i denti). Può essere usato anche come un sistema di banking domestico per rilevare i risparmi (ad esempio quando si utilizza la bicicletta al posto della macchina).

Touchatag. Applicazione per Android che connette tag RFID e di altro tipo (quindi che avvengono nel mondo reale) ad eventi nel Web. Ad esempio, con un Tag di possono far partire video su Youtube o canali su Last.Fm.

Tv Personalizzata. L’ipotesi di lavoro di un televisore in grado di riconoscere voce, viso e gestualità degli utenti, selezionando i canali in base alle loro preferenze.

Altre applicazioni interessanti

Tales of things. Sistema integrato di RFID che permettono di raccontare le storie degli oggetti.

Following Trash and Recyclables on Their Journey (Articolo New York Times). Esperimento di marcatura della percorso della spazzatura una volta buttata.

Criticità da tenere presenti nel design della User Experience

Esistono molti dubbi riguardo alla privacy e, più in generale, la sicurezza. Alcuni articoli di riferimento:

Should Consumers Fear The Internet of Things? Dana Oshiro su Read Write Web

The new hidden persuaders – David Rowan su Wired

RFID: Tracking everything, everywhere – Katherine Albrecht

One thought on “Internet delle Cose e La casa che parla”

  1. Ciao,
    abbiamo parlato dettagliatamente del Waterpebble V2, la nuova versione.
    Qui tutte le info:
    ildelfinosrl-blog.blogspot.it/2012/05/waterpebble-v2-come-funziona.html
    Grazie ed a presto😉

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s