3D printing, makers and social change

Martedì 27 Marzo siamo all’Isola a Milano con gli amici di We Fab a parlare delle prospettive politiche e sociali della stampa 3d e del digital manufacturing.

Special guest Johan Söderberg dell’University of Gothenburg, Sweden.

Questo un’estratto dell’abstract del suo intervento:

“Il movimento del DIY cerca di riappropriarsi degli strumenti per produrre beni materiali. Le stampanti 3D fanno intravedere un mondo in cui maker che lavorano secondo i principi dell’open source sono in grado di realizzare oggetti in modo autonomo e decentrato. Un tempo in fabbrica i lavoratori avevano il monopolio sulla conoscenza necessaria a far funzionare le macchine. Questo dava loro un potere enorme. Per rompere questo monopolio venne introdotta l’automazione riducendo il conflitto nel mondo industriale. Che forme di conflitto e di cooperazione nasceranno nella “fabbrica sociale” in cui l’automazione sfugge alle vecchie forme di controllo? ”

Milano, martedì 27 marzo dalle 18.30
Piano Terra, via Confalonieri 3, quartiere Isola
@pianoterralab

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s